Blog

Natale 2018

Festeggia il pranzo di Natale in Agriturismo!

Natale 2018 a Casale “l’Abate” – Agriturismo

Menù
Macco fritto su crema di fave
Prosecco

Broccoletti affogati nell’olio
con olive nere, salsiccia e cipolla
Insalata cuor di carciofo
Verdure pastellate
Cruditè di verdure su velo di arrosto
Parmigiana fredda
Involtino di zucchina, speck e philadelphia

Perle di riso in crema di funghi
Fusillone del Casale

Tris di medaglioni ripieni ai 3 gusti
e contorno di ratatouille

Tiramisù al Marsala

Bevande
Vino locale
Digestivi

35€ adulti
18€ bambino con menù baby

Prenota!

Agriturismo Casale l’Abate
via Ungaretti 13, Giarre (CT)
3497889467
casalelabateristo@gmail.com

Il Pranzo della Domenica

Pranza in agriturismo con un menù fisso.

Cinque antipasti, due primi e un secondo con contorno. Per finire un dolce della casa, zibibbo, malvasia e passito. Bevande e caffè inclusi!
Menù completo 25€.

Scegli anche le opzioni Antipasto+Primi a 18€ o Antipasto+Secondo a 20€.
Bevande e dolce compresi.

Se hai un bimbo il suo pranzo costa meno!
Cotto e mozzarella, pasta con la salsa e cotoletta e patatine 15€.

Segui la pagina Facebook di Casale l’Abate e scopri il Menù della settimana!

Giarre, 2/11/18

La Festa dei Morti

“Armi santi, armi santi, Io sugnu unu e vuatri siti tanti, mentri sugnu ‘tra stu munnu di guai cosi di morti mittitimmini assai”

Conoscete le origini della festa dei morti?
La Festa dei morti in Sicilia è una ricorrenza molto sentita. Risalente al X secolo, viene celebrata il 2 novembre per commemorare i defunti. Si narra che anticamente nella notte tra l’1 e 2 novembre i defunti visitassero i cari ancora in vita portando ai bambini dei doni.

Oggi questi doni vengono acquistati dai genitori e dai parenti nelle tradizionali fiere che si svolgono in molte parti della Sicilia. Qui vi si trovano bancarelle di giocattoli, oggetti vari e i dolcetti tipici di questa festa, come i particolari biscotti chiamati crozzi ‘i mottu (ossa di morto), o i pupatelli ripieni di mandorle tostate, i taralli ciambelle rivestite di glassa zuccherata, i nucatoli e i totò bianchi e marroni (i primi velati di zucchero, i secondi di polvere di cacao). E ancora, gli ‘nzuddi (zulle – con le mandorle, disponibili più secchi o ricoperte al miele), la frutta secca, la frutta di martorana, la cioccolata, le rame di Napoli (biscotti ricoperti di cioccolato fondente o bianco realizzati in due versioni: semplici o ripieni con la marmellata di albicocche o crema di cioccolato).

(fonte www.siciliainfesta.com)

Segnaliamo la Notte di Zucchero a Catania, festa per bambini con laboratori e favole sui passi della tradizione siciliana!

Prenota il tuo pranzo di Ognissanti giorno 1 novembre.
I dolci dei morti ti aspettano!

Giarre, 28/10/18